Close

30 Agosto 2023

BACKUP DELLE FOTO: ECCO COME LO FACCIO MENTRE VIAGGIO

backup-delle-foto-ecco-come-lo-faccio-mentre-viaggio




L’industria della fotografia sta avanzando ad un ritmo sorprendente, grazie all’evoluzione tecnologica che ha cambiato radicalmente il modo in cui scattiamo, modifichiamo, condividiamo e pubblichiamo le foto.

Negli ultimi anni, ho completamente rivoluzionato il mio flusso di lavoro fotografico.

Il passaggio alle fotocamere mirrorless ha dato una svolta notevole: ora sembra di avere tra le mani un dispositivo più simile ad un computer che ad una tradizionale macchina fotografica.

È solo questione di tempo prima che le fotocamere assomiglieranno sempre di più agli smartphone e si trasformeranno in autentici mini-computer, focalizzandosi principalmente sulla funzione della cattura delle immagini.

Anche l’evoluzione dei sensori delle fotocamere rappresenta un aspetto sorprendente. La gamma dinamica, il numero di pixel, la sensibilità: tutto sta migliorando in modo notevole.

Tuttavia, c’è un ambito della fotografia che non ha subito grandi cambiamenti negli ultimi cinque-sette anni, ed è la gestione dei file digitali per i fotografi di viaggio. In altre parole, il compito di portare a casa le tue preziose foto e conservarle in modo sicuro rimane pressoché inalterato.

Ho deciso di scrivere questo articolo per condividere con te i miei migliori consigli su come garantire la protezione delle tue foto durante i viaggi.

Innanzitutto, è essenziale riconoscere che le foto sono soggette a diversi rischi di perdita. Questi rischi possono manifestarsi sotto forma di perdita fisica, come furto, danneggiamento o smarrimento, oppure possono derivare da un danno elettronico causato dall’acqua o dalla formazione di muffa.

Inoltre, c’è sempre il rischio di eliminazione accidentale a seguito di sovrascrittura.

Tutto ciò enfatizza l’importanza di adottare una varietà di metodi per eseguire il backup delle tue foto mentre si è in viaggio. Ecco, quindi, 4 suggerimenti per salvaguardare i tuoi file prima, durante e dopo il viaggio.

Buona lettura!

Leggi anche:

1) UTILIZZA DELLE SCHEDE DI MEMORIA DI CAPACITÀ INFERIORE

Spesso, la tua fotocamera rappresenta l’oggetto più prezioso durante i tuoi viaggi ed è, purtroppo, un bersaglio ovvio per i ladri. È importante notare però che i ladri non sono interessati alle tue foto, ma puntano principalmente alla macchina fotografica.

Personalmente, il metodo più semplice che ho adottato per preservare le mie foto durante i viaggi a lungo termine è stato l’utilizzo di schede SD con capacità inferiori, che poi sostituisco più frequentemente.

Il costo delle schede SD aumenta rapidamente in base alla loro capacità, quindi l’impiego di più schede non comporta un grande aumento di spesa. Una volta che una scheda è piena, semplicemente la ripongo in una borsa differente da quella dell’attrezzatura.

Leggi anche:

2) UTILIZZA IL CLOUD STORAGE

Nell’attuale panorama, il cloud storage è onnipresente e sempre più conveniente.

Molteplici servizi consentono di stabilire dirette connessioni con il tuo telefono o una fotocamera dotata di Wi-Fi, automatizzando il backup delle tue immagini. Questa opzione risulta indubbiamente vantaggiosa, ma non è esente da alcune criticità.

È opportuno sottolineare che le foto moderne possono avere dimensioni di file piuttosto considerevoli, richiedendo una notevole velocità di connessione e di trasferimento dati per caricarne un gran numero.

Questo aspetto può funzionare a proprio vantaggio se ti trovi in un paese moderno o hai accesso ad un piano dati mobili illimitato. Tuttavia, potrebbe presentare delle sfide significative quando visiti paesi o aree meno sviluppate.

Un’alternativa da considerare, specialmente in presenza di una connessione Internet lenta, è quella di mantenere la tua attrezzatura nell’armadietto dell’ostello e avviare il trasferimento durante la notte.

È importante tenere presente che l’archiviazione nel cloud non è mai completamente immune da rischi, e la possibilità di cancellazione o sovrascrittura accidentale è sempre presente. Pertanto, è consigliabile copiare le foto invece che limitarsi a trasferirle.

Ecco i servizi di cloud storage a cui faccio più affidamento:

  1. Google Drive: offre un ampio spazio di archiviazione gratuito e opzioni di pagamento per ulteriori capacità. È integrato con altri servizi Google ed offre una buona integrazione con i dispositivi Android
  2. Dropbox: è noto per la sua semplicità e facilità d’uso. Offre una varietà di piani, tra cui un piano gratuito con spazio limitato e piani a pagamento con più spazio e funzionalità avanzate
  3. Microsoft OneDrive: integrazione con l’ecosistema Microsoft, inclusi Windows e Office. Offre spazio gratuito e opzioni di abbonamento
  4. Apple iCloud: è integrato con i dispositivi Apple ed offre un’archiviazione per i file, le foto e i backup dei dispositivi
  5. Amazon Drive: è incluso con Amazon Prime ed offre spazio per l’archiviazione di foto e file
  6. Sync.com: si concentra sulla privacy e sulla sicurezza dei dati. Offre crittografia end-to-end e rispetta la privacy degli utenti
  7. Box: si rivolge sia a individui che a imprese. Offre opzioni di collaborazione e integrazione con strumenti di produttività
  8. pCloud: offre opzioni di crittografia e una varietà di piani con spazio di archiviazione a pagamento
  9. SpiderOak: si concentra sulla sicurezza e sulla crittografia dei dati, garantendo una maggiore privacy
  10. IDrive: offre una combinazione di backup e archiviazione cloud, con opzioni per il backup di più dispositivi

Tieni presente che la situazione dei servizi di cloud storage può evolvere nel tempo, quindi ti consiglio sempre di verificare le informazioni più recenti e le recensioni prima di prendere una decisione.

La scelta del servizio migliore dipenderà dalle tue esigenze personali, dalla quantità di spazio necessaria e dalle funzionalità che desideri.

3) UTILIZZA I DISPOSITIVI DI ARCHIVIAZIONE ESTERNA

Ultimamente, oltre ad utilizzare più schede SD, ho preso l’ulteriore misura di eseguire il backup di ciascuna scheda su un secondo dispositivo di archiviazione. Le unità USB e gli hard disk esterni sono diventati così economici che è difficile ignorarli.

Se non desideri fare affidamento sul cloud, quindi, è consigliabile avere con te una chiavetta USB per creare un secondo backup. La chiavetta USB può essere facilmente conservata nella borsa principale ed è meno probabile che venga rubata. Assicurati di optare per una chiavetta USB 3.0, così da beneficiare delle migliori velocità di trasferimento disponibili.

D’altro canto, se hai bisogno di maggiore spazio rispetto ad una semplice unità flash e desideri qualcosa in grado di archiviare le foto di viaggio di più avventure, potresti valutare l’acquisto di un disco rigido esterno portatile.

Questi dispositivi sono disponibili in varie dimensioni di archiviazione. Optare per un hard disk esterno offre ampio spazio per conservare e proteggere le foto di viaggio, i video e altri file in modo affidabile. La loro portabilità li rende una scelta pratica per viaggiare, consentendoti di avere sempre con te una copia di backup dei tuoi preziosi ricordi fotografici.

Leggi anche:

4) PORTA CON TE UN PICCOLO LAPTOP

Ho riservato questa opzione come ultima perché risulta essere sicuramente la più dispendiosa e implica il trasporto di un altro oggetto di valore. Tuttavia, è importante notare che sempre più persone viaggiano con un laptop, e questa opzione rappresenta un approccio incredibilmente conveniente per eseguire il backup delle foto durante i viaggi.

Purché ti assicuri di avere sufficiente spazio di archiviazione e di copiare regolarmente le foto, sarai al sicuro. Le tue foto rimarranno immune dai virus e potrai facilmente effettuare il backup sul cloud.

Tra i laptop, l’ASUS Chromebook Flip è sicuramente una scelta ideale. I Chromebook infatti sono perfetti se cerchi un dispositivo semplice per guardare film, gestire i social media e trasferire foto. Sono super compatti e leggeri, sebbene necessitino di un disco rigido esterno separato per l’archiviazione delle tue foto.

D’altro canto, se intendi eseguire molta elaborazione fotografica o editing video in viaggio, sarà necessario optare per una soluzione più performante.




CONCLUSIONI FINALI

In un mondo in costante evoluzione, dove la tecnologia ridefinisce il nostro modo di scattare e immortalare momenti, c’è una costante che permane immutata: la necessità di preservare i nostri tesori visivi in modo sicuro e duraturo.

Dai progressi straordinari dei sensori delle fotocamere all’innovazione delle modalità di cattura, tutto sembra cambiare, ma la delicatezza delle nostre preziose fotografie richiede ancora la stessa attenzione, la stessa cura.

I viaggi sono avventure che plasmano il nostro spirito e ci regalano ricordi impagabili. E proprio come gli esploratori di un tempo custodivano scrupolosamente i loro manoscritti, noi viaggiatori moderni dobbiamo proteggere le nostre opere visive.

Che si tratti di impiegare dispositivi di archiviazione esterni, di affidarsi al cloud storage o di abbracciare l’evoluzione dei laptop, la missione è una sola: preservare l’anima dei nostri viaggi, un fotogramma dopo l’altro.

Così, mentre le macchine fotografiche si trasformano in mini-computer e i sensori fotografici continuano a sorprenderci, ricordiamo che nel cuore di tutto ciò c’è un desiderio atavico di immortalare il mondo che ci circonda.

E mentre tracciamo nuove strade, abbracciamo anche le radici del nostro mestiere, mantenendo vive le immagini che raccontano le nostre storie, con passione e impegno costante.

Buon viaggio
Francesco

Francesco Menghini


Seguimi sui miei canali social: Facebook, Twitter e Instagram


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *