Close

2 Giugno 2023

LE MIGLIORI FOTOCAMERE COMPATTE DEL 2023: GUIDA ALL’ACQUISTO

le-migliori-fotocamere-compatte-del-2023


È uno strano momento per acquistare una fotocamera digitale.

Poiché gli smartphone hanno praticamente distrutto il mercato della fotografia occasionale, i produttori si stanno concentrando sulla costruzione di vere e proprie meraviglie tecnologiche, progettate per usi molto specifici.

Le fotocamere mirrorless continuano a migliorare in termini di messa a fuoco automatica, video e altro ancora. Le action cam forniscono video nitidi e fluidi, le fotocamere compatte sono rivolte sia ai turisti che ai vlogger, mentre le DSLR sono disponibili ad alcuni dei migliori prezzi che abbiamo mai visto.

Con così tanti diversi tipi di fotocamere digitali, tuttavia, potresti aver bisogno di una guida per trovare quella giusta, ed è qui che entro in gioco io.

Che tu sia un creator alla ricerca della camera giusta per il vlogging, un aspirante fotografo naturalista o un appassionato di sport, in questo post ti aiuterò a trovare il modello perfetto per soddisfare il tuo budget e le tue esigenze.

Partiamo…


Leggi anche:


LE MIGLIORI FOTOCAMERE COMPATTE DEL 2023: GUIDA ALL’ACQUISTO

le-migliori-fotocamere-compatte2

1) FUJIFILM X100V

Questa piccola ma grande fotocamera è quella che ha dato il via alla mia mania per le compatte con obiettivo fisso… e immagino che sia vero anche per molti altri Street Photographer là fuori.

Come per i precedenti prodotti della serie X100, l’X100V fixed 23mm f/2 è un eccellente obiettivo da strada che, grazie ad un’ampia gamma di miglioramenti, lo collocano tra i modelli di punta della Fuji.

Per quelli di voi che non hanno ancora sentito parlare di questa straordinaria fotocamera della serie X, diamo un’occhiata più da vicino al motivo per cui è ancora la migliore fotocamera con sensore APSC compatta in circolazione. 

Camera-Fujifilm-X100V

 

Iniziamo con la qualità dell’immagine: questa, infatti, dovrebbe essere sempre in cima alla lista quando si ricercano le fotocamere. Se l’immagine finale non ha un aspetto notevolmente migliore di uno scatto realizzato con il tuo smartphone, non ha molto senso sprecare i tuoi soldi per una fotocamera dedicata. 

Per fortuna le immagini della Fujifilm X100V sono a dir poco incredibili, indipendentemente dal fatto che tu stia scattando in RAW o in JPEG.

Ho scattato con diverse fotocamere nel corso dei miei anni, ma quelle che risuonano davvero per me sono quelle che producono immagini con qualcosa di più: quel fattore X che ho sempre cercato.

Con la Fujifilm X100V, l’esclusivo e nuovo obiettivo f/2 23mm versione 2 (equivalente ad un 35mm) e l’ultimo sensore X-Trans da 26,1MP offrono immagini ricche e contrastate, con eccellenti tonalità della pelle. Il bilanciamento del bianco, invece, è persino migliore delle DSLR professionali, che usavo per girare i video. 

Grazie alle 17 simulazioni di pellicole Fuji, nonché ai nuovi effetti Color Chrome e Color Chrome Blue, potrai creare delle immagini incisive e contrastanti, che sembrano essere scattate con la tua pellicola Fujifilm preferita con una fotocamera a pellicola in 35mm.

Foto-scattate-con-Fujifilm-X100V-3

A parte il suo splendido design retrò, quello che affascina di più di questa fotocamera sono i suoi quadranti manuali e il suo layout minimal. Oltre a questo, guida l’amore per la fotografia e la possibilità di controllare ogni aspetto della tua esperienza fotografica.

Il mirino ibrido ottico + elettronico è davvero unico e molto divertente da usare.

Anche la possibilità di regolare l’apertura utilizzando l’anello dell’obiettivo è una caratteristica unica che piacerà soprattutto agli appassionati dei telemetri.

Un cambiamento chiave in questo modello è la performance del film, in quanto ora supporta video 4K a 30p. Anche se questa non sarà mai una videocamera, dispone comunque di un output sorprendentemente buono che è più che sufficiente per catturare le tue storie quotidiane.

In effetti, ora riesce a girare i video in 4K in entrambi le risoluzioni DCI (4.096 x 2.160) e Ultra HD (3.840 x 2.160) a 24 o 30 fps, con un bit rate di 200 megabit al secondo. Può persino trasmettere video 4:2:2 a 10 bit su HDMI in un registratore esterno!

La Fujifilm X100V è una straordinaria piccola fotocamera tascabile che merita la seria considerazione di ogni fotografo. Tutto quello che dovrai fare è decidere tra i colori argento/nero o tutto nero… e questa è una decisione piuttosto difficile dato che entrambe sono meravigliose.

2) SONY RX100 VII

Se preferisci una fotocamera compatta con un obiettivo zoom, la Sony RX100 VII è una fantastica point and shoot che è anche un po’ più accessibile della Fujifilm X100V.

Grazie al suo design altamente portatile, un’ampia gamma di zoom e numerose funzioni extra, l’RX100 VII si posiziona infatti tra le migliori fotocamere compatte con zoom portatile.

Anche l’autofocus è difficile da battere, mentre la fotocamera ha una velocità di scatto di 20fps incredibilmente veloce per un’azione rapida. La camera offre anche piccolo mirino pop-up e un flash pop-up, il tutto facilmente inseribile in una tasca di cappotto.

Sony-RX100v

La RX100 VII utilizza un sensore da un pollice più piccolo rispetto alla X100V, quindi la qualità dell’immagine non è altrettanto impressionante, ma è comunque molto migliore della maggior parte delle fotocamere e degli smartphone compatti. 

Anche la durata della batteria lascia molto a desiderare, ma questo è un problema con le fotocamere compatte nel loro insieme. Al rialzo, ha un obiettivo zoom molto versatile che offre maggiore flessibilità con l’inquadratura rispetto all’obiettivo principale della Fuji.

Sebbene non sia poi così economica, la RX100 VII è una delle migliori fotocamere compatte digitali che puoi acquistare, grazie anche al suo rapporto portabilità-prestazioni.

Acquista subito

3) SONY A7C

Ed eccoci arrivati ad una delle mie fotocamere preferite: la Sony A7C.

Questa è un’ottima fotocamera, te lo dico subito, ma ci sono anche alcuni scrupoli significativi che mi fanno esitare a consigliarla rispetto alle due fotocamere sopramenzionate. 

In effetti, le fotocamere mirrorless full frame stanno diventando sempre più comuni ora, con Canon, Nikon, Sony, Panasonic e Sigma che hanno tutte un prezzo di concorrenza inferiore a 2000€. Il mercato sta diventando sempre più competitivo. 

La tecnologia mirrorless della Sony offre dei vantaggi, ma mettiamola in questo modo e fammi sapere se ha senso: la Sony non ha realizzato l’A5 per competere direttamente con la Panasonic/Nikon5. Lo hanno fatto, invece,  realizzando l’A7C e sono propenso a presumere che la C stia per consumer.

Sony-A7C

La Sony è intelligente e l’A7C toglie ogni dubbio.

I punti di forza della fotocamera sono esattamente i tipi di funzionalità più attraenti per qualsiasi principiante, consumer o anche hobbista serio ed esperto.

Al contrario, le omissioni o i punti deboli della fotocamera esistono solo per gli aspiranti professionisti, o gli attuali professionisti che potrebbero aver già scattato, ad esempio, con una Sony A7 III e quindi potrebbero sapere cosa si perdono quando hanno in mano una A7C.

La Sony Alpha 7C è una fotocamera compatta ma dispone di un sensore full frame e la possibilità di lavorare con numerose funzionalità. Con oltre 50 obiettivi, dal grandangolo al teleobiettivo, disponibili nella collezione Sony E-mount, le opzioni sono apparentemente infinite per ciò che si può fare con questa fotocamera.

L’autofocus e il tracking intelligenti sono perfetti per i fotografi che desiderano catturare animali selvatici o altri soggetti in rapido movimento. Dettagli nitidi e immagini di alta qualità sia in formato JPEG che in RAW, così come i video in 4K, sono solo alcune delle caratteristiche che gli utenti apprezzeranno.

Scatti-realizzati-con-la-Sony-A7C

A parte i ritratti, i matrimoni e altri generi di fotografia che spesso portano ad aspirazioni professionali e a lavori retribuiti, il resto della vita quotidiana, di strada e di tutti i giorni è quello per cui è stata creata questa magia dell’elettronica.

Imposta la camera in MODALITÀ PRIORITÀ OTTURATORE, setta l’Auto-ISO su veloce, attiva Face+Eye AF e affidati completamente alla fotocamera. Se non sei il tipo di fotografo che controlla costantemente ogni impostazione che la camera da offrire, apprezzerai moltissimo l’interfaccia semplificata, il sistema di messa a fuoco automatica e la sua leggera portabilità.

Indicata per la Street Photography, per la candid, per i viaggi e praticamente per qualsiasi genere di fotografia, dalle attività quotidiane alle vacanze esotiche, la Sony A7C è una fotocamera molto capace, soprattutto se abbinata ad un fantastico super-zoom come il Tamron 28-200 f/2.8-5.6.

E per quanto riguarda il video?

Questo è probabilmente lo scopo principale per cui è stata creata la Sony A7C. La camera, infatti, dispone di un LCD completamente nuovo, IBIS e di un fantastico sistema di AF di rilevamento viso/occhi.

Insomma, lasciati stupire da una delle fotocamere più versatili e potenti che potrai trovare oggi sul mercato.

Acquista subito

4) RICOH GRIII

Le fotocamere compatte con sensore grande sono una razza speciale.

Nella maggior parte dei casi, sono piene di compromessi che l’utente finale finisce per odiare o abbracciare. Praticamente è un rapporto amore-odio.

Ho immerso anima e corpo in questo mondo in un momento in cui gli iPhone e i Google Pixel stavano facendo enormi passi avanti nel campo della fotografia.

Ho iniziato il mio percorso con altre compatte, convinto che riuscissero a darmi la stessa capacità d’immagine delle DSLR o di altre fotocamere con sensore full-frame. Ho cercato tanto, forse troppo, finché mi sono imbattuto nella Ricoh GRIII.

ricoh-grIII

La prima cosa che si nota quando si tiene in mano un RICOH è la sua dimensione ridotta. Questa ha una scocca costruita interamente in metallo, con un rivestimento nero invisibile. Adoro l’aspetto industriale e sobrio che trasuda un alto livello di qualità costruttiva.

Ed è davvero sorprendente che siano riusciti ad inserire tutte le funzionalità necessarie ad un professionista, in una camera così piccola e compatta. L’accensione è superveloce, il menù è intuitivo ed offre un alto grado di personalizzazione.

Ottimo è anche lo Snap Focus, lo uso per la street, e funziona a meraviglia. L’autofocus in buone condizioni di luce è perfetto, ma potrebbe sicuramente apportare alcuni miglioramenti per quanto riguarda la fotografia in condizioni di scarsa illuminazione.

Tenerife Express 001 Tenerife Express 002 Tenerife Express 003 Tenerife Express 004 Tenerife Express 005 Tenerife Express 006 Tenerife Express 007 Tenerife Express 009

La Ricoh GRIII dispone di un sensore di dimensioni 1,5x APS-C.

Quando uscì per la prima volta, era una delle fotocamere più piccole mai prodotte con un sensore così grande. La sua risoluzione è di 24MP, in un formato 3:2. Ciò significa che avrai 6000×4000 pixel.

Le ombre sono veramente fantastiche e non perdono nessun dettaglio. Le luci alte, invece, sono equilibrate e mai aggressive. Inoltre, le immagini in RAW che si ottengono con la GRIII, sono alla pari con le migliori DSLR.

Anche le prestazioni ISO sono impressionanti. Ad ISO 3.200 si ottengono ancora molti dettagli con rumore evidente ma mai fastidioso. Ad ISO 6.400 e 12.800, il rumore diventa più aggressivo ma le immagini rimangono ancora lavorabili, con un’adeguata riduzione del rumore.

Per quanto riguarda il sensore, un’aggiunta molto importante è la stabilizzazione a tre assi. L’ho trovata molto efficace. Ho provato a scattare in condizioni di scarsa illuminazione ad 1/10 e l’unica cosa che ho ottenuto è una leggera sbavatura.

In alcune occasioni, sono stato anche in grado di ottenere degli scatti nitidissimi a circa 0,5 secondi. Questa opzione è chiamata Shake Reduction (SR) nel menù. Con l’implemento di questa funzionalità, la Ricoh ha rimosso il filtro anti-aliasing.

Tutto questo, insieme all’eccellente obiettivo, è responsabile delle immagini super nitide che ottieni.

Tenerife-express-011Tenerife-express-012 Tenerife-express-013

L’obiettivo che troverai sulla Ricoh GRIII è un 18,3mm f/2,8. È l’equivalente ad un obiettivo da 28mm f/4 in full frame. È molto nitido e contrastato. Ed è così buono come ti aspetteresti da un obiettivo professionale simile su una DSLR.

Utilizza completamente il numero di pixel da 24MP del sensore. Anche se ulteriormente ingrandite digitalmente, le foto rimangono straordinariamente dettagliate. Questa combinazione consente ritagli estesi e stampe di grandi dimensioni.

Inoltre, l’obiettivo è capace di una messa a fuoco ravvicinata davvero impressionante, quasi macro. Se invece attivi la modalità macro (cosa che puoi fare premendo un pulsante separato) mette a fuoco fino a 6 cm. La qualità dell’immagine rimane comunque eccellente anche con questa impostazione.

L’ho trovato molto utile.

Come caratteristica extra, potrai acquistare un filtro grandangolare. Converte la vista da 28mm a 21mm. Questo accessorio rende la fotocamera notevolmente più grande. Ma rimane l’ideale per le scene da street, per la paesaggistica e anche per i selfie.

Infine, per quanto riguarda i video, la Ricoh GRIII registra i filmati fino a 1080p a 60fps. Questo è in formato 4:2:0 utilizzabile fino a 8 bit. I colori sono molto belli. La stabilizzazione aiuta molto a smussare il movimento della mano. E la messa a fuoco è veramente accurata.

Molti utenti si sono lamentati della mancanza di registrazione in 4K. Ad essere onesti, la maggior parte delle persone che acquista questa fotocamera non la useranno per girare video, specialmente in un contesto in cui è necessario il 4K.

Ma oggi, una fotocamera in 4K è all’ordine del giorno. 😉

Acquista subito

5) LEICA Q2 DIGITAL CAMERA

La serie Q della Leica è già da moltissimo tempo nella mia lista delle migliori fotocamere compatte, nonostante il suo prezzo molto, molto alto. Il grande cambiamento per la Q2 è ovviamente dato dal suo sensore.

La Q2, infatti, vanta un sensore full frame da 47,3MP, che offre il doppio della risoluzione rispetto alla sua predecessora. Ciò la rende una delle fotocamere con la risoluzione più elevata in circolazione, comprese le reflex digitali professionali e le fotocamere mirrorless. 

E non è cambiato solo il sensore…

Un punto chiave della fotocamera è il suo obiettivo grandangolare della Summilux 28mm f/1.7 Asph, che praticamente rimane esattamente lo stesso. Insolitamente per una compatta, questo offre il controllo manuale completo della messa a fuoco, insieme ad una modalità macro, molto speciale.

Puoi comunque utilizzare questo obiettivo in una gamma di modalità di messa a fuoco automatica. In AF o in MF, è comunque disponibile una vasta serie di funzioni, utile per garantire che l’area di destinazione sia sempre perfettamente a fuoco.

E in AF le opzioni includono anche l’utilissima modalità di rilevamento del volto.

Scatti-realizzati-con-la-Leica-Q2 (1)

Sebbene l’obiettivo sia fisso, quindi non c’è nessun zoom e nessuna possibilità di aggiornare l’ottica, con la Leica Q2 potrai ottenere una serie di opzioni di ritaglio. Potrai infatti scattare con un’impostazione effettiva di 35mm, 500, e 75mm, con un corrispondente calo della risoluzione rispettivamente di 30MP, 14,7MP e 6,6MP.

Ovviamente potresti semplicemente ritagliare l’immagine nella fotocamera, ma è un’ottima opzione da avere se pubblichi i tuoi scatti sui social media. 

A differenza della Leica Q, la Q2 offre anche delle strabilianti riprese video in 4K. Potrai scegliere tra il formato 4K standard (3840×2160 pixel) oppure potrai optare per il Cinema 4K, che offre una una risoluzione di 4096×2160 pixel.

Potrai inoltre scegliere tra frame rate di 30 fps o 24 fps con 4K, ma solo 24 fps con C4K. Passa a Full HD e ottieni utili opzioni slo-mo da 120 fps a 60 fps.

Un’altra bella aggiunta della Leica Q2 è che ora è protetta da polvere ed agenti atmosferici, conforme allo standard IP52 (il che significa che può sostenere gli spruzzi d’acqua).

L’impermeabilità è resa ancora più notevole dal fatto che la camera ora utilizza la stessa batteria BP-SCL4 della Leica SL, quindi per rimuoverla ti basterà spingerla verso il basso, senza la necessità di aprire lo sportello protettivo.

Sono stati apportati alcuni miglioramenti anche alle specifiche di ripresa di base. C’è infatti una nuova impostazione ISO bassa di 50; l’ISO più alto invece rimane sempre a 50.000.

La modalità burst meccanica resta a 10fps, ma ora è disponibile anche un’opzione di otturatore elettronico che offre 20fps. C’è un aumento simile anche per i tempi di posa, la gamma meccanica rimane da 60 secondi fino a 1/2000, ma se desideri velocità più elevate le opzioni dell’otturatore elettronico ora vanno fino ad 1/40.000 secondo.

Acquista subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *